Colloqui di fine anno

Il colloquio finale verte su uno dei corsi disciplinari interni alla Scuola Superiore. L’allievo deve concordare un argomento con il docente titolare del corso disciplinare scelto e produrre una tesina.
 

L’allievo è tenuto a individuare e contattare il docente relatore e a scegliere il tema del colloquio finale entro luglio, al fine di una migliore organizzazione del lavoro preparatorio e del colloquio stesso (per avere maggiori contatti con il docente che lo seguirà nella realizzazione della tesina e per avere più tempo di curare in particolare la bibliografia e l’esposizione.)

Documenti

modulo colloquio fine anno su corso 26.4 KB
modulo colloquio fine anno su stage 27.6 KB
modulo colloquio fine anno su corso 56.9 KB
modulo colloquio fine anno su stage 63.5 KB

 
D’accordo con il docente/relatore l'esposizione può essere rivolta ad uno specifico target. All'inizio della discussione l'allievo specificherà a quale tipologia di uditori è rivolta l'esposizione (se per tutti, o per certi corsi di laurea o certi anni, etc.....)
 
Gli allievi potranno scegliere anche tra un laboratorio tra quelli attivati per il proprio corso di laurea, uno stage o un tirocinio secondo le norme previste dal proprio corso di laurea triennale. La scelta andrà ratificata dagli organi competenti.
 
Il colloquio finale consiste in una esposizione pubblica della tesina davanti ad un pubblico formato prevalentemente dagli altri allievi, anche iscritti a facoltà diverse.
 

L’esposizione di norma non deve superare i 15 minuti

 
La commissione, alla fine del colloquio, valuterà l’esposizione dell’allievo con una votazione in trentesimi.
 
Il colloquio deve essere sostenuto necessariamente entro il 31 ottobre. Il colloquio finale viene di norma fissato entro i primi dieci giorni di ottobre, in modo da poter prevedere un secondo appello (solo se necessario). Il secondo appello viene fissato dalla commissione giudicatrice, sentito il Direttore della Scuola Superiore, solo nel caso in cui il voto della prova finale non permetta all’allievo di ottemperare agli obblighi previsti dal Regolamento di funzionamento della Scuola Superiore.
 
Il docente relatore che non possa essere presente al colloquio finale è tenuto ad esprimere un giudizio sul lavoro dell’allievo e ad inviare il giudizio e una proposta di voto alla commissione giudicatrice entro il giorno antecedente alla data del colloquio.
 
Gli elaborati devono essere sempre scritti: gli allievi possono optare comunque tra varie forme: tesina scritta, presentazione powerpoint o simile, tesina manoscritta. L'allievo al momento della discussione deve comunque produrre una copia della tesina in formato cartaceo alla commissione e inviare una copia alla Segreteria della Scuola.
 

L'elaborato scritto o manoscritto deve consistere in 10-15 pagine per gli allievi della classe scientifica, al massimo 20 pagine per gli allievi della classe umanistica. (come per il colloquio di metà anno)

 

È prevista la possibilità di sostituire un intero corso di carattere disciplinare con un Reading Course che preveda però un impegno e un carico di lavoro individuale pari a 28 ore. Questa possibilità deve essere considerata una soluzione eccezionale concessa unicamente nei casi in cui non vi sia un’offerta didattica calzante (nei casi di studenti singoli o poco numerosi iscritti ad un determinato corso di laurea) ovvero per altre motivazioni didattiche che dovranno essere espressamente approvate dal Consiglio Didattico. In ogni caso la tesina di ottobre dovrà essere obbligatoriamente svolta sugli argomenti del Reading Course.(Consiglio Didattico del 27 ottobre 2010).