We, the People of the United Europe: Reflections on the European State of Mind

Workshop di presentazione del progetto Jean Monnet

22 Novembre 2019, ore14.30-16.30
Aula A, via Tomadini 30, Udine

 Progetto Jean Monnet

"We, the People of the United Europe: Reflections on the European State of Mind"

Durata del progetto: 01/09/2019-31/08/2021 

Coordinatrice: prof.ssa Laura Montanari

 

 Il progetto Jean Monnet "We, the People of the United Europe: Reflections on the European State of Mind" (acronimo: WE-UE) si propone di promuovere gli studi sull’integrazione europea attraverso la diffusione di conoscenze e la stimolazione di riflessioni su due concetti chiave per il futuro del progetto europeo: identità europea e memoria condivisa europea. Negli ultimi decenni, l’Unione europea ha investito notevoli sforzi per costruire una memoria transnazionale comune con l’obiettivo di dare legittimità al progetto europeo e promuovere l’identità europea. Tali sforzi sono visibili in numerosi siti della memoria: simboli comuni, narrazioni storiche comuni e valori comuni, quali la pace, il rispetto della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell'uguaglianza, dello stato di diritto e dei diritti umani. Tuttavia, in tempi odierni l’avanzare dei nazionalismi a livello degli Stati membri sta minando il futuro del progetto europeo. L’Unione europea necessita oggi, più che mai, di rafforzare e diffondere le sue fondamenta culturali e promuovere tra i suoi cittadini l’dea dell’Europea come comunità di valori. ll progetto Jean Monnet "We, the People of the United Europe: Reflections on the European State of Mind" si pone sotto tale prospettiva, volendo stimolare riflessioni e dibattiti sul concetto di identità europea e sull’importanza che riveste per la sua definizione l’idea di una memoria condivisa europea.

 

In particolare, gli obiettivi del progetto sono: a) stimolare l'eccellenza nell'insegnamento e nella ricerca; b) contribuire a promuovere l'istruzione quale veicolo chiave per rafforzare l'identità europea; c) rafforzare l'interazione tra il mondo accademico, policy-makers e opinione pubblica nel dibattito sul futuro dell'Europa; d) promuovere la ricerca scientifica multidisciplinare al fine di comprendere le attuali politiche della memoria nel contesto europeo; e) rafforzare il collegamento tra mondo accademico e policy-makers attraverso la creazione di un network di cooperazione; f) contribuire alla creazione di collaborazioni di lunga durata tra Università e istituti di ricerca; g) accrescere le capacità professionali, di insegnamento e di ricerca, di giovani ricercatori coinvolti nel progetto; h) contribuire a rendere l'idea dell'Europa più tangibile ai suoi cittadini attraverso la promozione della cittadinanza attiva.