Profili della responsabilità civile extra contrattuale

Durata: 16 ore

Programma

(I modulo:  diritto romano)
Prof.ssa Paola Ziliotto
Programma
Partendo dal contenuto della Lex Aquilia de damno, che punisce in base al ius civile un illecito a forma vincolata, vale a dire un illecito a condotta ed evento tipicamente previsti dalla legge, si ripercorrà l’evoluzione giurisprudenziale che portò al superamento del regime di tipicità mediante il suggerimento di strumenti pretori di natura equitativa. Prendendo spunto dalla esperienza romana, saranno allora analizzati i tratti fondamentali di alcuni sistemi moderni (con specifico riguardo per quelli inglese e tedesco) che, avendo adottato un regime di tipicità in materia di responsabilità extracontrattuale, hanno anch’essi dovuto affrontare il problema di come allargare l’area dei danni risarcibili superando i limiti connaturati alla tipicità del sistema.
 
(II modulo: diritto privato)
Prof.ssa Mariarita D’Addezio
Programma
Partendo dai principi fissati dal codice civile italiano saranno evidenziate le attuali “mobili frontiere” della responsabilità civile extracontrattuale, ripercorrendo il processo di interpretazione evolutiva del sistema normativo basato sulla stretta interazione tra norme civili e principi costituzionali. Non mancheranno inoltre riferimenti essenziali all’influenza del diritto comunitario e della Corte di Giustizia delle Comunità Europee. La ricostruzione riguarderà gli aspetti più rilevanti relativi alle fattispecie di illecito, ai soggetti responsabili, agli elementi soggettivi ed oggettivi dell’illecito, alle diverse tipologie di danno risarcibile. 
 
(III modulo: diritto civile)
Dott.ssa Raffaella Pasquili
Programma
Muovendo dall’evoluzione giurisprudenziale in materia di responsabilità civile extracontrattuale, si andrà a delineare nello specifico le problematiche sottese al riconoscimento della tutela aquiliana del credito e alla lettura costituzionalmente orientata dell’art. 2059 c.c.
Dopo l’analisi del noto caso “Meroni”, leading case per l’astratta configurabilità di una tutela risarcitoria dei pregiudizi derivanti dalla lesione esterna del rapporto obbligatorio, si procederà con i più recenti interventi della Cassazione e della Consulta del 2003, con i quali si è cercato di configurare un nuovo sistema teso a garantire la piena risarcibilità dei danni di natura non patrimoniale derivanti dalla lesione di diritti inviolabili della persona.
Attraverso tale percorso si giungerà, infine, a prospettare, tra adesioni e critiche alle soluzioni giurisprudenziali testé indicate, gli attuali orientamenti.
 
(IV modulo: diritto del lavoro)
Prof.ssa Valeria Filì
Programma
Tecniche di tutela della dignità della persona nel luogo di lavoro. La responsabilità extracontrattuale alla prova di fenomeni antichi dai nomi moderni: il mobbing e le molestie sessuali. Analisi della giurisprudenza e inquadramento teorico delle questioni. Analisi delle tipologie di danno risarcibili. Riflessioni sui risvolti processuali (onere della prova, petitum, azioni).


Elenco corsi 2007/2008