Seminario di letteratura comparata

Responsabile didattico: Luigi Reitani

Durata: 16 ore

Periodo didattico: gennaio-marzo

Programma

Identità e memoria dopo la Shoah

«Più il tempo passa, più Auschwitz si avvicina». Questo aforisma di Grete Weil sintetizza efficacemente la crescita esponenziale conosciuta negli ultimi anni dalla memorialistica e dagli studi sui Lager nazisti. Non c’è dubbio, infatti, che alle prime testimonianze, pubblicate subito dopo la guerra, sulla Shoah si siano aggiunti nel tempo innumerevoli altri documenti e memorie, vuoi per la maggiore disponibilità dell’opinione pubblica a prestare ascolto a vicende così crude, vuoi per il venir meno di resistenze di varia natura che impedivano alle vittime di raccontare quanto vissuto. Ma soprattutto appare sempre più chiaro che il nome di Auschwitz designa un nodo centrale e imprescindibile per la comprensione della nostra stessa civiltà, e questo al di là della sgradevole banalizzazione e spettacolarizzazione del fenomeno messa in atto dall’industria dell’intrattenimento, e anche da un certo «senso comune» pseudoscientifico o pseudomorale, che dalla tragedia sembra capace di ricavare soltanto luoghi comuni e retorica d’occasione. Le testimonianze sull’orrore dei campi di concentramento e di sterminio nazisti, così come sull’esperienza della deportazione in genere, ci insegnano invece a guardare nel profondo dei meccanismi sociali, psicologici e culturali del nostro tempo e ci pongono di fronte a domande fondamentali di natura teologica, filosofica ed esistenziale.

Il seminario intende analizzare alcuni testi fondamentali della letteratura europea, che raccontano direttamente o indirettamente l’esperienza della deportazione e dell’internamento nei campi di sterminio e con la loro acuta testimonianza sollevano questioni fondamentali per la comprensione della nostra modernità.

 

In particolare si farà riferimento ai seguenti testi:

Jean Améry, Intellettuale a Auschwitz, Bollati Boringhieri

Imre Kértesz, Essere senza destino, Feltrinelli

Ruth Klüger, Vivere ancora, SE

Primo Levi, Se questo è un uomo, Einaudi

Jorge Semprún, Il grande viaggio, Einaudi

Fred Wander, Il settimo pozzo, Einaudi

 

Si consiglia inoltre la lettura delle seguenti opere di ricostruzione storica:

Pier Vincenzo Mengaldo, La vendetta è il racconto, Bollati Boringhieri

Raul Hilberg, La distruzione degli ebrei in Europa, Einaudi


Elenco corsi 2007/2008