Filosofia della religione

Responsabile didattico: Brunello Lotti

Durata: 16 ore

Periodo didattico: primo semestre

Programma

SSD: M-FIL/01

 

Titolo del corso:

Scepsi, fede e ragione nel pensiero moderno

 

Programma:

Si tratteranno alcune connessioni tra scepsi, fede e ragione nel pensiero moderno, con riguardo agli autori elencati. Non si pretende di offrire neppure in via introduttiva un quadro storico complessivo, ma soltanto di esemplificare alcune rilevanti interrelazioni tra  le tre sfere.

 

1. La dottrina della doppia verità in Pomponazzi

2. Il dubbio iperbolico di Descartes

3. Fede e ragione in Locke

4. Fideismo e scepsi in Bayle

5. Credere e pensare in Kant

6. O si pensa o si crede: Schopenhauer

 

Riferimenti bibliografici:

1. a) Martin Pine, “Double Truth”, in Dictionary of the History of Ideas, New York 1968-1973, ora online presso University of Virginia Library; b) Vittoria Perrone Compagni, Introduzione a P. Pomponazzi, Trattato sull’immortalità dell’anima, Firenze 1999

2. R. Descartes, Meditazioni Metafisiche, Prima Meditazione.

3. John Locke, Saggio sull’intelligenza umana, l. IV, cap. XVIII: “Della fede e della ragione e delle loro province distinte”.

4. Gianni Paganini, Analisi della fede e critica della ragione nella filosofia di Pierre Bayle, Firenze, 1980: cap. 2: “Scetticismo e fideismo nel Dictionnaire”.

5 I. Kant, Critica della Ragion Pura, Dottrina trascendentale del Metodo, Canone della Ragion pura, sez. III: “Dell’opinione, della conoscenza e della credenza”.

6. A. Schopenhauer, O si pensa o si creda. Scritti sulla religione, Milano 2000, passi scelti: pp. 41-42; 45-49; 251-253.


Elenco corsi 2009/2010